martedì 29 ottobre 2013

Piccole crocchette al radicchio

Ciao a tutti amici, come state? il freddo è ormai iniziato e inizia a portare i suoi frutti. Il radicchio è uno di quelli, ma purtroppo non l' ho ancora trovato sul mercato così per fare queste buonissime crocchette che vado a proporvi oggi ho deciso di usare quello tondo, non so se ho fatto bene o male ma quello che posso dirvi è che sono venute molto ma molto buone! Non ci credete? beh allora dovete assolutamente provarle.
Eccovi la ricetta di oggi!
Ingredienti: per 20 crocchette circa
400 gr di radicchio rosso
70 gr di grana padano grattugiato
100 gr di prosciutto cotto
2 uova intere
70 gr di pangrattato
Farina 00 Q.b.
sale e pepe Q.b.
Per la besciamella
2 dl di latte
50 gr di farina 00
20 gr di burro
1 tuorlo
Procedimento:
Accendiamo l' abbattitore di temperatura Fresco e impostiamo la funzione abbattimento rapido.
Prepariamo la  besciamella; versiamo tutti gli ingredienti nel boccale del bimby e cuociamo 6 minuti 90° vel. 4
Una volta pronta la besciamella passiamola a raffreddare rapidamente in fresco per 15 minuti avendo
l' accortezza di coprire la superficie con un foglio di pellicola a contatto, questo per evitare che si formi la pellicina sopra.
Mettiamo a bollire una pentola di acqua. Tagliamo il radicchio in quarti e appena l' acqua bolle versiamo dentro il radicchio e sbollentiamolo qualche minuto
Infine scoliamolo e passiamolo a raffreddare in fresco per 15 minuti.
Incorporiamo alla besciamella il grana, e un tuorlo e mescoliamo con una forchetta.
Strizziamo bene il  il radicchio e tagliamolo a pezzetti
tagliamo il prosciutto a listarelle e uniamo il tutto al composto di besciamella
amalgamiamo bene  fino ad ottenere un composto sodo.
Prepariamo le crocchette; preleviamo un po d' impasto e ricaviamo delle crocchette allungate
Passiamole nella farina, poi nell' uovo sbattuto con un pizzico di sale e pepe e infine nel pangrattato
Man mano che sono pronte adagiamole in un vassoio in attesa di friggerle.
In un tegame o nella friggitrice mettiamo a scaldare abbondante olio e quando è pronto iniziamo a friggere le crocchette poche per volta, quando sono uniformemente dorate sgoccioliamole su carta assorbente da cucina, poi trasferiamole sul piatto da portata e serviamole subito ben calde.
PS: volendo potetet preparare in anticipo queste crocchette e surgelarle rapidamente con Fresco usando la funzione surgelazione rapida per 2 ore. Per fare questo, disponete le crocchette su un vassoio foderato di carta forno e procedete alla surgelazione. Al momento del servizio vi basterà tirarle fuori dal freezer e buttarle direttamente nell' olio bollente fino a doratura.
Le crocchette sono pronte!
Vi assicuro che sono veramente buonissime!
Ecco un altro particolare.
 I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: come per tutti i cibi fritti, anche con queste deliziose crocchette l'accostamento ideale è con un vino giovane con acidità spiccata. In questo caso vedo bene un vino bianco del Nord Italia, come il piemontese:

- Gavi d.o.c.g.

cantine consigliate: Broglia - Cà Bianca - Martinetti
Alla prossima ricetta.
Francesco

sabato 12 ottobre 2013

Spezzatino con le pere

Carissimi Amici, come dice sempre la mia amica Ornella il gusto deciso della birra scura si compone a meraviglia con la carne rossa. E non fa certo rimpiangere il vino. Quest' oggi ho voluto realizzare uno spezzatino agrodolce con le pere sostituendo il vino con un' ottima birra scusa, il risultato? Beh giudicatelo voi!
Eccovi la ricetta di oggi!
Ingredienti: per 4 persone
Un kg di polpa di manzo tagliata a dadi
33 cl di birra scura
2 grosse cipolle bianche
2 pere Williams belle sode
un mazzetto di erbe aromatiche timo, alloro prezzemolo
2 cucchiaini di senape
80 gr di burro
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaio raso di zucchero
sale Q.b.
Procedimento:
Mettiamo in una pentola 40 gr di burro e facciamolo fondere a fuoco dolce, sbucciamo le cipolle  affettiamole fini e facciamole appassire nel burro per circa 20 minuti, controllandole spesso e aggiungendo, se necessario un filo d' acqua calda  perchè non si brucino.
Quindi togliamole dal fuoco e se non vi piace la cipolla intera frullatela ( io l' ho tenuta così)
In una casseruola dal fondo spesso mettiamo il rimanente burro e facciamolo fondere, aggiungiamo la carne e rosoliamola bene.
Aggiungiamo le cipolle, il mazzetto aromatico, un cucchiaio si aceto di mele
La birra, copriamo e cuociamo a fuoco bassissimo per circa due ore, aggiungendo un po' d' acqua calda di tanto in tanto per evitare che il fondo di cottura si asciughi troppo.
Quando mancano 20 minuti alla fine della cottura laviamo le pere, sbucciamole, tagliamole a spicchi non troppo sottili
 e uniamole alla carne.
 Proseguiamo la cottura a fuoco basso, quindi eliminiamo il mazzetto aromatico, togliamo dalla casseruola la carne e le pere e teniamole in caldo.
 Incorporiamo al fondo di cottura la senape, regoliamo di sale e mescoliamo bene, rimettiamo la carne e le pere nella casseruola per far insaporire qualche istante uniamo l' aceto e lo zucchero, facciamo sfumare  e serviamo subito.
 Il piatto è pronto! 
 Che ne dite? vi piace?
 I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: grande piatto da vino rosso strutturato questo spezzatino; potete spaziare tra i grandi vini rossi italiani, più o meno famosi. Come al solito io vi propongo quelli meno famosi, ma non meno buoni. Uno di questi è un vino piemontese poco conosciuto ma di altissimo livello; mi riferisco al:

- Ghemme d.o.c.g.

cantine consigliate: Cantalupo - Dessilani - Cà Nova



Buona giornata a tutti!
Francesco

giovedì 10 ottobre 2013

Tarte di ricotta e nocciole del piemonte IGP

Carissimi Amici, l' autunno ormai è arrivato e visto anche il freddo e la pioggia direi che è prossimo l' inverno. Le temperature sono scese e questa è un' ottima scusa per riaccendere nuovamente il forno per sfornare dolci voluttuosi e delicati come quello che vado a proporvi oggi.
Cioccolato e nocciole sono un connubio intramontabile e seducente che esalta qualsiasi tipo di dolce e stupisce anche i palati più esigenti, non credete anche voi?
Eccovi la ricetta di oggi.
Ingredienti: per uno stampo rettangolare 36x12
150 gr di farina 00
100 gr di burro
50 gr di cacao amaro
2 uova
40 gr di zucchero
250 gr di ricotta piemontese
120 gr di nocciole piemontesi tostate IGP
100 gr di zucchero semolato
1 tuorlo
1 dl di panna fresca
20 gr di cioccolato fondente
un pizzico di sale
Procedimento:
Accendiamo l' abbattitore di temperatura Fresco e impostiamo la funzione abbattimento rapido.
Versiamo nel boccale del bimby 40 gr di zucchero semolato e polverizziamo 10 sec. vel. 10
Uniamo la farina, il cacao e un pizzico di sale e mescoliamo 10 sec. vel. 5
Aggiungiamo il burro freddo da frigo  e impastiamo 10 sec. vel. 5 
Poi aggiungiamo l' uovo e impastiamo velocemente 30 sec. vel. 6
Rovesciamo l' impasto sul tavolo, lavoriamolo qualche minuto con le mani, diamogli la forma di una palla, appiattiamola leggermente, avvolgiamola nella pellicola per alimenti 
e passiamola in fresco a rassodare per 15 minuti usando la funzione abbattimento rapido.
Accendiamo il forno e impostiamo la temperatura a 150°
Senza lavare il boccale versiamo dentro 50 gr di zucchero e le nocciole e polverizziamo 10 sec. Vel. 8 raccogliamo il trito con la spatola e polverizziamo nuovamente altri 10 sec. Vel. 5
Aggiungiamo adesso la ricotta, la panna, i restanti 50 gr di zucchero, l' uovo e il tuorlo e amalgamiamo 20 sec. Vel. 4
Riprendiamo l' impasto dal fresco e stendiamolo sul piano infarinato in una sfoglia rettangolare dello spessore di circa 3 mm. imburriamo leggermente lo stampo 
e foderiamolo con la frolla appena stesa facendo aderire l' impasto bene ai bordi, infine togliamo la pasta in eccesso e pareggiamo il bordo.
Bucherelliamo il fondo coi rebbi di una forchetta.
Versiamo la farcia sulla base di frolla
Inforniamo la tarte nella parte bassa del forno a 150° per 40/50 minuti.
una volta sfornata passiamola in fresco a raffreddare per 60 minuti. Poi una volta fredda passiamola in frigo. Al momento di servire, decoriamola con il cioccolato fuso e le nocciole rimaste spezzettate.
Il dolce è pronto!
Spero vi piaccia!



Ps: se volete potete surgelare questa tarte in fresco usando la funzione surgalazione rapida per 1,30 h e conservarla in freezer a -18°. All' occorrenza vi basterà tirarla fuori dal freezer e scongelarla in fresco usando la funzione scongelamento controllato a 18° per 40 minuti.

I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: è sempre difficile fare accostamenti con il vino a dolci a base cacao o cioccolato; oggi vi voglio proporre un abbinamento particolare in quanto il vino in oggetto è un vino secco o quasi; mi riferisco alla:

- Vernaccia di Oristano d.o.c.

cantine consigliate: Contini - Puddu



Buona giornata a tutti!
Francesco
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ti potrebbero interessare...

Il guest Book degli angeli