venerdì 16 novembre 2012

Puntarelle saltate in padella

Carissimi Amici, bentrovati nella mia cucina. Come molti di voi sapranno, quasi tutte le mie amicizie hanno in comune due grandi cose, il cibo e la cucina, l' una ha bisogno dell' altra per portare in tavola "sempre" qualcosa di buono e appetitoso come il contorno che vado a proporvi oggi " Le puntarelle saltate in padella".
Voi non ci crederete ma quando la mia amica Doretta del blog Sarda in saor si è presentata a casa mia con questa verdura l' ho guardata  alquanto perplesso, e sapete perché? perchè non l' avevo mai vista, e sopratutto non sapevo nemmeno da che parte iniziare per cuocerla. Doretta, che la conosce bene, visto che proviene dal suo orto, mi ha subito rassicurato dicendomi che qualche giorno fa aveva pubblicato la ricetta nel suo blog e che con quella potevo andare sul sicuro.
Aveva proprio ragione, non ho mai mangiato un contorno così buono in vita mia...
Eccovi la ricetta di oggi.

Ingredienti: per 4 persone
3 bei mazzi di puntarelle
60 gr di olio EVO
2 Alici sott' olio
1 spicchio d' aglio
sale Q.b.
Peperoncino a piacere
Procedimento:
Laviamo e mondiamo le puntarelle, con l' aiuto di un coltello tagliamole a metà e poi a filetti.
In una padella capiente versiamo l' olio, l' aglio intero e i filetti di alici e facciamo rosolare il tutto fino a quando l' aglio si sarà imbiondito e le alici si saranno sfaldate, a questo punto uniamo le puntarelle.
Cuociamo a fiamma moderata e a recipiente coperto per circa 15/20 minuti, fino a quando le puntarelle non saranno tenere. Regoliamo di sale e peperoncino secondo il nostro gusto.
Togliamo il tegame dal fuoco, mescoliamo bene, disponiamo le puntarelle in un piatto da portata e portiamo in tavola!
eccole qui...
Magnifiche vero?

Grazie Doretta e Buon appetito a tutti.
Francesco

17 commenti:

  1. noi a Roma le mangiamo in maniera uguale soltanto non le saltiamo in padella, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. sembrerà assurdo ma le ho scoperte da pochissimo, mai assaggiate in padella, sempre a crudo con le alici. Grazie per lo spunto.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  3. caro Francesco,
    non ho mai mangiato le puntarelle, prendo subito spunto dal tuo post!!
    baci
    anna

    RispondiElimina
  4. Buonissime, e spiegazione chiarissima, grazie! :) Complimenti e buon weekend! :)

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piacciono le puntarelle io le condisco con le alici alla romana , da provare anche così che buone!
    Sereno we
    baci!

    RispondiElimina
  6. E dopo questa magnifica presentazione che faccio? Non l'assaggio? Pensa che sono stata tanti anni a Roma ma non l'ho mai comprata, la tua ricetta mi ispira molto, corro dal mio fruttivendolo di fiducia!!!!!

    RispondiElimina
  7. Confesso che non conosco questa verdura,ma mi piace,sembra un cespuglietto!
    devono essere buonissime,a presto caro Franci ciaooooo!
    Zagara & Cedro

    RispondiElimina
  8. Ma sai che non le ho mai mangiate. Ricetta segnata appena le reperisco le rifaccio.Buon w.e.

    RispondiElimina
  9. Franciiii ieri le ho fatte al forno!!! Paolo ha detto che erano strabuonissime!!!
    Devi provare!!! Bravo!!!!

    RispondiElimina
  10. Buone le puntarelle! Anche in Thailandia le cuciniamo simili (ma con salsa di soia - e te pareva ;))
    Buon we Francesco .

    RispondiElimina
  11. non le ho mai provate, come le presenti tu,fanno gola a tutti le proverò. Grazie Francesco per il sottofondo musicale!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. buonissime le puntarelle!! ciao francesco!!

    RispondiElimina
  13. grazie della ricetta, penso sia quello che cercavo,
    crude non le amo molto, lessate sono troppo "sciape".
    Rosanna

    RispondiElimina
  14. le ho cucinate sono squisite solo che a reggio.e. si trovano poco, e questo non è giusto

    RispondiElimina
  15. io le mangio condite con olio sale pepe e limone sono ottime

    RispondiElimina
  16. Io le lascio in padella al max 10 minuti, mi piace che restino criccanti, e aggiungo uvetta passa e pinoli leggermente tostati. Sono ottime come contorno ai tomini alla piastra, o anche a un pecorino fresco. Slurp!

    RispondiElimina

Ciao, se sei arrivato fin qui vuol dire che il mio blog ti è piaciuto, lasciami pure un tuo pensiero, lo custodirò gelosamente nel mio angolo di paradiso...
Se Non hai un profilo e commenti come anonimo per favore firmati, sarò felice di poterti rispondere chiamandoti per nome!
Grazie
Francesco

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ti potrebbero interessare...

Il guest Book degli angeli