martedì 30 settembre 2014

Cantucci alle arachidi salate di Luca Montersino


Carissimi amici, bentornati nella mia cucina. Non lasciatevi ingannare dalla foto della ricetta di oggi, che potrebbe indurvi a pensare a dei banali cantucci: non giudicate mai un libro dalla copertina! Questi sono speciali, non solo perché sono del maestro Montersino, ma sopratutto perché sono cantucci salati alle arachidi.
Da tanto, troppo tempo tenevo d' occhio questa ricetta e stamattina, aprendo la dispensa, mi è comparsa davanti agli occhi una confezione di arachidi, così ho capito che era giunto il momento di provarli. Semplicemente sublimi.
Seguitemi nel passo passo.
Ingredienti: per 3 filoni da 32X3,3 (55 pezzi circa)
105 gr di burro a temperatura ambiente
52 gr di Isomalto
52 gr di Maltitolo
45 gr di parmigiano grattugiato
15 gr di latte intero in polvere
120 gr uova intere
3 gr di lievito per torte salate
300 gr di farina (io ho usato le semole d' autore per biscotti)
120 gr di arachidi salate
Noce moscata Q.b.
3 gr di sale fine
Procedimento:
Montiamo nel KCC il gancio a K. Versiamo nella ciotola il burro, l' isomalto, il maltitolo, il parmigiano, il latte in polvere, il sale e la noce moscata e montiamo 2 minuti a vel. 2
con la macchina in movimento a vel. 2 versiamo a filo le uova intere e amalgamiamo altri 2 minuti sempre alla stessa velocità.
 Intanto spezzettiamo grossolanamente le arachidi con un coltello
Incorporiamo adesso la farina setacciata insieme al lievito e impastiamo 1 minuto vel.1
Uniamo le arachidi e amalgamiamo 40 sec. vel.2
Togliamo l'impasto dalla ciotola e dividiamolo in 3 parti uguali da 266 circa l' uno
Formiamo con ognuno un filoncino lungo circa 32 cm e largo 3,5; man mano adagiamoli sulla teglia precedentemente foderata con carta forno
Inforniamo a 190° ventilato  per 20 minuti.
10 minuti prima della fine della cottura accendiamo l' abbattitore di temperatura Fresco e impostiamo la funzione abbattimento rapido. Una volta sfornati passiamoli a raffreddare per 20 minuti
quindi con un coltello tagliamo i filoncini in diagonale, 
rimettiamo i cantucci nella teglia e passiamoli in forno a tostare per 8/10 minuti a 180°
Una volta sfornati ripassiamoli in fresco a raffreddare per 15 minuti
Questi deliziosi cantucci salati sono ottimi da servire in un aperitivo o anche da sgranocchiare così. Possono essere tranquillamente conservati in una latta per biscotti e durano tantissimo! In alternativa potete anche surgelarli con Fresco usando la funzione surgelazione rapida per 90 minuti e conservarli in freezer, al momento del servizio tirateli fuori dal freezer circa 40 minuti prima, riponeteli nel piatto da portata e serviteli. Vi posso assicurare che sono "la fine del mondo"
Eccoli pronti da servire!
Un particolare da vicino
Con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione:
http://www.lapulceeiltopo.it

Un abbraccio
Francesco

giovedì 25 settembre 2014

Nuova Promozione autunnale con Fresco

Cari tutti/e,

con molto piacere vi informo che  fino al 26 Ottobre compresi è attiva la promozione “AUTUNNO CON FRESCO”:

-          tutti  potranno acquistare Fresco tramite pagamento anticipato e ricevere in omaggio il SUPERSET TEGLIE
-          tutti  potranno acquistare Fresco tramite finanziamento e usufruire del TASSO ZERO o AGEVOLATO.



Mi farebbe molto piacere se inoltraste la nuova promozione a tutti i vosti amici a cui piacerebbe  conoscere Fresco e avere la sua nuova tecnologia a casa!



Come sempre rimango a  vostra completa disposizione per qualsiasi informazione in merito al 3926349913 oppure via mail a lacucinadegliangeli@gmail.com


Grazie a  tutti
con affetto 
Francesco

domenica 7 settembre 2014

Suonino le trombe, rullino i tamburi... Da non perdere!

Ciao a tutti amici cari, quest' oggi non voglio parlarvi di ricette ma di una bella sorpresa per voi!
Vi siete mai chiesti che voce ho? che tipo sono? che entusiasmo posso trasmettere raccontando una ricetta?
Una risposta a tutto questo c'è! vi state chiedendo come? beh domani lunedì 8 Settembre sarò ospite radiofonico di www.radiovillagenetwork.it in diretta dalla fiera di Varese.
Radiovillagenetwork è la radio ufficiale della manifestazione che si terrà alla fiera di Varese e sopratutto è una web radio per cui può essere ascoltata tramite pc, tablet, telefono.
Alle ore 20 partirà "Le fatte in casa" un programma condotto da Federica in cui si parlerà di avventure e disavventure in cucina e all' interno del programma ci sarò anche io!
Non perdetevi l' occasione di ascoltare direttamente dalla mia cucina quello che combino!

DUNQUE VI ASPETTO LUNEDI ALLE ORE 20:00 SU WWW.RADIOVILLAGENETWORK.IT

giovedì 4 settembre 2014

Un' intervista inaspettata...

Ciao a tutti amici, qualche giorno fa sono stato contattato dallo staff di tribù golosa per una breve intervista!
Siete curiosi di sapere che domande mi hanno fatto e sopratutto cosa ho risposto? beh vi basterà cliccare qui per andare direttamente all' intervista!
Buona lettura
Francesco

mercoledì 3 settembre 2014

Piccole piadine stracchino, rucola e crudo di Luca Montersino

Carissimi amici, in questa giornata di fine estate, voglio proporvi un piatto fresco, leggero ed invitante, dall' aspetto insolito ed elegante al tempo stesso.
Sfogliando il libro "la piccola pasticceria salata" del maestro Luca Montersino, mi sono imbattuto nella ricetta delle piadine, una preparazione nella quale non mi ero mai cimentato per mancanza di tempo e anche di ispirazione. Così, preso dall' entusiasmo e dal modo in cui vengono proposte, mi sono messo all' opera. Il risultato davvero inaspettato, tanto che mi sono pentito di averne fatte così poche.
Corro quindi a rifarle, mi fate compagnia?
Ecco a voi la ricetta!
Ingredienti: per 24 mini piadine del diametro di 5 cm
150 gr di farina (io ho usato le semole d' autore)
60 gr di latte intero fresco
40 gr di strutto
4 gr di lievito istantaneo per torte salate
2 gr di sale
Per la guarnizione:
6 fette di prosciutto crudo di parma tutte della stessa misura
200 gr di stracchino allo yogurt
30 gr di rucola fresca
Olio EVO Q.b.
Pepe nero Q.b.
Procedimento:
Prepariamo le piadine; nella ciotola del KCC versiamo tutti gli ingredienti, montiamo il gancio a spirale e impastiamo 5 minuti a velocità 2
Togliamo l' impasto dalla ciotola, lavoriamolo qualche minuto sul tavolo, diamogli la forma di una sfera, copriamolo con la pellicola e passiamolo in frigo a raffreddare almeno due ore. L' impasto può anche essere preparato la sera prima.
Una volta passato il tempo di riposo, stendiamo l' impasto sul tavolo con l' aiuto di un mattarello allo spessore di 2/3 mm, quindi con un coppapasta ricaviamo 24 dischetti
e cuociamoli sul testo rovente da entrambi i lati
man mano che sono pronti passiamoli in Fresco a raffreddare rapidamente usando la funzione raffreddamento rapido per 15 minuti
Prepariamo la guarnizione; inumidiamo con un panno umido il tavolo, stendiamo sopra uno strato di pellicola e adagiamo sopra le fette di crudo ben allineate
spalmiamo sopra lo stracchino aiutandoci con una spatola
completiamo con le foglie di rucola.
Avvolgiamo il tuttoin modo da formare un rotolo stringendo il più possibile e aiutandoci con la pellicola, e chiudiamo bene le estremità.
Passiamo il rotolino così formato in Fresco a surgelare per 60 minuti questo passaggio farà si che al momento del taglio il rotolo rimanga in forma.
Togliamo il rotolino dal fresco, togliamo la pellicola e tagliamo delle fette spesse un centimetro e mezzo, 
disponiamole sulle mini piadine e infine condiamo la superficie con una macinata di pepe nero e un filo d' olio Extra vergine di oliva e serviamo.
Le mini piadine sono pronte!
Ps: questo delizioso finger si può surgelare tranquillamente in maniera separata, (la piadina e il rotolo avvolto nella pellicola). Una volta fatte e raffreddate le piadine e allestito il rotolo surgeliamo il tutto con Fresco  per 90 minuti, poi riponiamo in freezer. Trenta minuti prima del servizio allestiamo le piccole piadine  come spiego sopra e lasciamole decongelare a temperatura ambiente direttamente nei piatti di servizio mettendo solo poco prima si servire la manciata di pepe nero e il filo d' olio extra vergine di oliva.
Alla prossima ricetta... 

Con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione:
http://www.lapulceeiltopo.it

Un abbraccio
Francesco

martedì 2 settembre 2014

Aspic di passito con panna cotta al caprino

Buongiorno Amici, bentornati nella mia cucina. Ho deciso di recuperare un po' del tempo perduto. Oggi vi propongo l' ennesima preparazione del maestro Luca Montersino. Non me ne vogliate ma lui per me, come per tanti, è fonte di ispirazione, la risposta giusta per migliorarsi e al tempo stesso stupire gli ospiti.
Vi voglio invitare alla preparazione di questo aspic, proprio per farvi capire la semplicità della realizzazione. Darà un tocco in più ai vostri piatti, in particolare agli antipasti, rendendoli particolarmente scenografici e chic grazie alla superficie a specchio.
L' aspic al passito e uvetta che vado a proporvi, si sposa alla perfezione con la cream bouche al caprino per un figer food d' eccezione che saprà conquistarvi al primo assaggio.
Ingredienti: per 11 pezzi
Per l' aspic di passito e uvetta
100 gr di vino passito
10 gr di miele
4 gr di colla di pesce in fogli
65 acini di uva sultanina
Per la cream bouche di caprino:
180 gr di formaggio caprino
80 gr di panna
40 gr di latte intero fresco
5 gr di colla di pesce in fogli
sale e pepe Q.b.
foglioline di timo o maggiorana per decorare
Per la finitura:
11 fette di pane in cassetta
Procedimento:
Prepariamo l' aspic al passito e uvetta: mettiamo a bagno la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti. Versiamo in un pentolino una piccola parte di passito e il miele e facciamo scaldare, una volta caldo sciogliamo dentro la colla di pesce e mescoliamo.
Uniamo il passito rimanente e mescoliamo bene con una frusta.
Coliamo negli stampi in silicone 1 cucchiaio da tavola di passito e passiamo in fresco a raffreddare per 10 minuti.
Facciamo rinvenire l' uvetta in acqua calda per 10 minuti, dopo strizziamola e asciughiamola bene su un foglio di carta assorbente
Una volta rappreso lo strato di aspic disponiamo all' interno di ogni stampino 5 acini di uvetta disposti a fiore, dopodiché coliamo sopra un altro cucchiaio di passito fino a coprire l' uvetta. 
Passiamo il tutto in fresco a rassodare per altri 10 minuti.
Prepariamo la cream bouche di caprino: mettiamo a bagno la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti. Montiamo nel KCC il gancio a mezzaluna, versiamo nella ciotola la panna, il latte e il formaggio caprino, impostiamo la temperatura a 85° e azioniamo la macchina in fase di mescolamento 1 fino a che nel diplay non appare la temperatura impostata. (questo passaggio si può tranquillamente fare sul fuoco con un termometro per rilevare la temperatura).
Uniamo la colla di pesce e mescoliamo 2 minuti senza temperatura a vel. 1
Versiamo il composto nel bicchiere del frullatore ad immersione e frulliamo il tutto
Aggiustiamo di sale e pepe e aggiungiamo le foglioline di timo fresco (scegliete quelle più piccoline).
Passiamo la crema a raffreddare in fresco per 10 minuti usando sempre la funzione raffreddamento rapido e controlliamo con un termometro a sonda che la temperatura arrivi a 30°
Una volta raggiunti i 30° versiamo la crema sopra gli aspic aiutandoci con un cucchiaio e non con l' imbuto a pistone, questo perché le foglioline essendo più leggere della crema rimarrebbero in alto e non andrebbero a finire sulla' aspic.
Passiamo nuovamente il tutto a raffreddare in fresco per 20 minuti. Dopo passiamo alla surgelazione rapida per 90 minuti questo per permetterne meglio la sformatura.
Nel frattempo prendiamo il pane in cassetta e appiattiamolo leggermente con il mattarello, poi con l' aiuto di un coppapasta ricaviamo dei dischetti del diametro leggermente maggiore rispetto agli stampini di aspic 
e tostiamoli su una piastra rovente.
Una volta surgelati gli aspic sformiamoli, adagiamoli sui dischetti di pane e disponiamoli sui piatti da portata, decoriamo a piacere con un acino di uvetta e delle foglioline di timo e facciamo decongelare per 30 minuti a temperatura ambiente.
Il piatto è pronto!
Spero vi piaccia, io l' ho trovato semplicemente delizioso...
Alla prossima ricetta.
Francesco
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ti potrebbero interessare...

Il guest Book degli angeli