martedì 29 ottobre 2013

Piccole crocchette al radicchio

Ciao a tutti amici, come state? il freddo è ormai iniziato e inizia a portare i suoi frutti. Il radicchio è uno di quelli, ma purtroppo non l' ho ancora trovato sul mercato così per fare queste buonissime crocchette che vado a proporvi oggi ho deciso di usare quello tondo, non so se ho fatto bene o male ma quello che posso dirvi è che sono venute molto ma molto buone! Non ci credete? beh allora dovete assolutamente provarle.
Eccovi la ricetta di oggi!
Ingredienti: per 20 crocchette circa
400 gr di radicchio rosso
70 gr di grana padano grattugiato
100 gr di prosciutto cotto
2 uova intere
70 gr di pangrattato
Farina 00 Q.b.
sale e pepe Q.b.
Per la besciamella
2 dl di latte
50 gr di farina 00
20 gr di burro
1 tuorlo
Procedimento:
Accendiamo l' abbattitore di temperatura Fresco e impostiamo la funzione abbattimento rapido.
Prepariamo la  besciamella; versiamo tutti gli ingredienti nel boccale del bimby e cuociamo 6 minuti 90° vel. 4
Una volta pronta la besciamella passiamola a raffreddare rapidamente in fresco per 15 minuti avendo
l' accortezza di coprire la superficie con un foglio di pellicola a contatto, questo per evitare che si formi la pellicina sopra.
Mettiamo a bollire una pentola di acqua. Tagliamo il radicchio in quarti e appena l' acqua bolle versiamo dentro il radicchio e sbollentiamolo qualche minuto
Infine scoliamolo e passiamolo a raffreddare in fresco per 15 minuti.
Incorporiamo alla besciamella il grana, e un tuorlo e mescoliamo con una forchetta.
Strizziamo bene il  il radicchio e tagliamolo a pezzetti
tagliamo il prosciutto a listarelle e uniamo il tutto al composto di besciamella
amalgamiamo bene  fino ad ottenere un composto sodo.
Prepariamo le crocchette; preleviamo un po d' impasto e ricaviamo delle crocchette allungate
Passiamole nella farina, poi nell' uovo sbattuto con un pizzico di sale e pepe e infine nel pangrattato
Man mano che sono pronte adagiamole in un vassoio in attesa di friggerle.
In un tegame o nella friggitrice mettiamo a scaldare abbondante olio e quando è pronto iniziamo a friggere le crocchette poche per volta, quando sono uniformemente dorate sgoccioliamole su carta assorbente da cucina, poi trasferiamole sul piatto da portata e serviamole subito ben calde.
PS: volendo potetet preparare in anticipo queste crocchette e surgelarle rapidamente con Fresco usando la funzione surgelazione rapida per 2 ore. Per fare questo, disponete le crocchette su un vassoio foderato di carta forno e procedete alla surgelazione. Al momento del servizio vi basterà tirarle fuori dal freezer e buttarle direttamente nell' olio bollente fino a doratura.
Le crocchette sono pronte!
Vi assicuro che sono veramente buonissime!
Ecco un altro particolare.
 I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: come per tutti i cibi fritti, anche con queste deliziose crocchette l'accostamento ideale è con un vino giovane con acidità spiccata. In questo caso vedo bene un vino bianco del Nord Italia, come il piemontese:

- Gavi d.o.c.g.

cantine consigliate: Broglia - Cà Bianca - Martinetti
Alla prossima ricetta.
Francesco

mercoledì 16 ottobre 2013

Tortina soffice al radicchio con crema inglese alla grappa di moscato

Ciao a tutti, quest' oggi voglio proporvi un dolce davvero insolito che ho realizzato ieri al corso sul radicchio che ho tenuto a Montebelluna. Inutile dirvi che rimarrete stupiti dal suo gusto avvolgente e delicato reso speciale dalla crema inglese alla grappa di moscato! 
Eccovi la ricetta!
Ingredienti: per 10 tortini
250 gr di farina 00
250 gr di zucchero semolato
250 gr radicchio rosso di chioggia o treviso
100 gr di burro fuso freddo
3 uova
8 gr di lievito per dolci
1 pizzico di vaniglia
40 gr di pinoli
zucchero a velo Q.b.
Per la crema inglese al moscato:
200 gr di latte
1 baccello di vaniglia
2 tuorli
60 gr di zucchero semolato
25 gr di grappa di moscato
Procedimento:
Mettiamo le foglie di radicchio nel food processor del Kenwood o in un altro robot e diamo qualche colpo di pulse il minimo indispensabile per tritarlo.
Togliamo e teniamo da parte
Accendiamo il forno e impostiamo la temperatura a 200°
Versiamo nella ciotola del Kenwood le uova, lo zucchero e la vaniglia e montiamo per 5 minuti alla massima velocità fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
 Aggiungiamo adesso la farina setacciata con il lievito mescolando con una spatola dal basso verso l' alto.
Incorporiamo adesso il burro fuso freddo un poco per volta e infine uniamo il radicchio e i pinoli
 Imburriamo degli stampi da muffin e aiutandoci con un sac a poche riempiamoli per 2/3
Una volta volta riempiti i nostri stampi inforniamoli e abbassiamo la temperatura a 160° e cuociamo per 30 minuti.
NB: Se prepariamo questi tortini in anticipo, 10 minuti prima della fine della cottura, accendiamo l' abbattitore di temperatura Fresco e impostiamo la funzione abbattimento rapido. Una volta pronti sforniamoli e facciamoli raffreddare rapidamente in fresco per 40 minuti, togliendoli dallo stampo dopo circa 10 minuti per evitare che si inumidiscano troppo rimanendo all' interno del silicone.
Prepariamo la salsa; Mettiamo a scaldare il latte con la vaniglia, 
A parte montiamo i due tuorli con 60 gr di zucchero
e aggiungiamoli al latte, continuiamo a mescolare senza far mai bollire
Quando comincerà a velare il cucchiaio togliamola dal fuoco e aggiungiamo la grappa
Una volta pronti i tortini, sforniamoli facciamoli riposare 10 minuti e togliamoli dagli stampini.
Serviamoli tiepidi nei piatti da portata con la salsa alla grappa alla base e una generosa spolverata di zucchero a velo.
Il tortino è pronto!
Spero vi piaccia!
Ps: Se volete servire le tortine nei giorni a venire fateli  raffreddare rapidamente in Fresco per 40 minuti usando la funzione abbattimento rapido, poi, se volete potete anche surgelarli rapidamente usando la funzione surgelazione rapida per 90 minuti e conservarli in freezer per averli pronti quando più ne avete voglia. Per rigenerarli potete usare tranquillamente la funzione piatto pronto per 40 minuti così li porterete in tavola tiepidi accompagnati sempre dalla salsa alla grappa.


 I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: mi piace in preparazioni, dove è presente un vino (o suoi derivati), accostare per assonanza lo stesso vino. In questo caso la grappa al Moscato mi porta ad abbinare un vino a base di questa profumatissima uva; un Moscato che fa al caso nostro, poco conosciuto ma molto buono è il:

- Moscato Fior d'Arancio Colli Euganei d.o.c.

cantine consigliate: La Montecchia - Emo Capodilista - Borin



Buona giornata a tutti!
Francesco

sabato 12 ottobre 2013

Spezzatino con le pere

Carissimi Amici, come dice sempre la mia amica Ornella il gusto deciso della birra scura si compone a meraviglia con la carne rossa. E non fa certo rimpiangere il vino. Quest' oggi ho voluto realizzare uno spezzatino agrodolce con le pere sostituendo il vino con un' ottima birra scusa, il risultato? Beh giudicatelo voi!
Eccovi la ricetta di oggi!
Ingredienti: per 4 persone
Un kg di polpa di manzo tagliata a dadi
33 cl di birra scura
2 grosse cipolle bianche
2 pere Williams belle sode
un mazzetto di erbe aromatiche timo, alloro prezzemolo
2 cucchiaini di senape
80 gr di burro
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaio raso di zucchero
sale Q.b.
Procedimento:
Mettiamo in una pentola 40 gr di burro e facciamolo fondere a fuoco dolce, sbucciamo le cipolle  affettiamole fini e facciamole appassire nel burro per circa 20 minuti, controllandole spesso e aggiungendo, se necessario un filo d' acqua calda  perchè non si brucino.
Quindi togliamole dal fuoco e se non vi piace la cipolla intera frullatela ( io l' ho tenuta così)
In una casseruola dal fondo spesso mettiamo il rimanente burro e facciamolo fondere, aggiungiamo la carne e rosoliamola bene.
Aggiungiamo le cipolle, il mazzetto aromatico, un cucchiaio si aceto di mele
La birra, copriamo e cuociamo a fuoco bassissimo per circa due ore, aggiungendo un po' d' acqua calda di tanto in tanto per evitare che il fondo di cottura si asciughi troppo.
Quando mancano 20 minuti alla fine della cottura laviamo le pere, sbucciamole, tagliamole a spicchi non troppo sottili
 e uniamole alla carne.
 Proseguiamo la cottura a fuoco basso, quindi eliminiamo il mazzetto aromatico, togliamo dalla casseruola la carne e le pere e teniamole in caldo.
 Incorporiamo al fondo di cottura la senape, regoliamo di sale e mescoliamo bene, rimettiamo la carne e le pere nella casseruola per far insaporire qualche istante uniamo l' aceto e lo zucchero, facciamo sfumare  e serviamo subito.
 Il piatto è pronto! 
 Che ne dite? vi piace?
 I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni: grande piatto da vino rosso strutturato questo spezzatino; potete spaziare tra i grandi vini rossi italiani, più o meno famosi. Come al solito io vi propongo quelli meno famosi, ma non meno buoni. Uno di questi è un vino piemontese poco conosciuto ma di altissimo livello; mi riferisco al:

- Ghemme d.o.c.g.

cantine consigliate: Cantalupo - Dessilani - Cà Nova



Buona giornata a tutti!
Francesco
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ti potrebbero interessare...

Il guest Book degli angeli