lunedì 29 ottobre 2012

Rame di Napoli "dolce tipico della tradizione Catanese"



Carissimi Amici, qualche giorno fà, mi sono ricordato che tra qualche giorno arriverà Novembre e la commemorazione dei defunti. A casa mia da quando ero piccolo c'è sempre stata la tradizione di mangiare proprio in questo periodo gli ossi dei morti e le rame di Napoli. Non vi nascondo che sono molto ghiotto di entrambi i dolci, ma, in particolare di quest' ultimi che letteralmente adoro. Come sapete sono siciliano ma vivo a Treviso da parecchi anni, e qui è praticamente impossibile reperire questo tipo di dolci. Fondamentalmente quando mi viene voglia di qualcosa di tipico e mangereccio della mia terra, mi metto alla ricerca e quando trovo la ricetta che mi ispira, mi metto subito all' opera e la provo.
La ricetta che vi propongo oggi l' ho trovata nel blog di Sara ed è stato subito amore a prima vista, ho letto gli ingredienti, ho dato uno sguardo agli stipetti della mia cucina e mi sono messo in azione!

Eccovi la ricetta, ma prima qualche cenno storico su questi dolci:

Non si conosce con esattezza l'origine del nome tuttavia esistono varie ipotesi: la prima cita un famigerato pasticciere di Napoli come inventore di questa ricetta; un'altra ipotesi parla di un atto di vassallaggio della Sicilia nei confronti di Napoli durante l'epoca del Regno delle due Sicilie. L'ultima ipotesi, risalente sempre al Regno delle due Sicilie, sembra anche la più verosimile. Si afferma, infatti, che durante l'impero Borbonico, successivamente all'unificazione del Regno di Napoli con il regno di Sicilia, fu coniata una moneta contenente una lega di rame, in modo da sostituire la più ricca lega di oro e argento. Il popolo, con l'introduzione di tale moneta, pensò bene di creare un dolce che riproducesse tale moneta, inventando così la rama di Napoli. “Wikipedia”

Ingredienti: per 30 rame di Napoli:
500 gr di farina 00
400 gr di latte
220 gr di zucchero di canna
120 gr di cacao amaro
2 uova
30 gr di miele di acacia
100 gr di marmellata di arance
1 bustina di lievito per dolci
una punta di cucchiaino di vaniglia in polvere del madagascar
60 gr di burro fuso freddo
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
7 chiodi di garofano in polvere
un pizzico di sale

Per la copertura
500 gr di cioccolato fondente extra
Pistacchi di bronte spellati e tritati Q.b

Procedimento:
Accendiamo il forno e impostiamo la temperatura a 180°
Accendiamo l' abbattitore di temperatura "Fresco" e impostiamo la funzione  abbattimento rapido per 40 minuti. 
Versiamo in una capiente ciotola la farina setacciata, il cacao, il lievito, la cannella, la vaniglia, i chiodi di garofano in polvere e un pizzico di sale; misceliamo il tutto con un cucchiaio di legno. 


Aggiungiamo adesso le uova leggermente sbattute, lo zucchero di canna, il miele e la marmellata. 


Versiamo a filo il latte poco alla volta e iniziamo a mescolare il tutto sempre con il cucchiaio di legno, fino ad ottenere un impasto denso e cremoso. Quando il tutto e ben amalgamato aggiungiamo il burro fuso e freddo e facciamolo incorporare al composto. 


Foderiamo una teglia con della carta forno e aiutandoci con due cucchiai da cucina, formiamo le rame facendo delle piccole quenelle distanziandole una dall' altra (calcolate che sulla teglia del forno da 60 ve ne devono stare 9). Inforniamo a 180° per 10 minuti.


Una volta sfornate le rame disponiamole man mano sulla griglia del fresco e facciamole raffreddare, spostando quelle della prima infornata alla base del fresco e mettendo quelle appena sfornate sopra così si raffredderanno perfettamente. 


Ripetiamo l' operazione fino ad esaurire il composto.
Una volta raffreddate tutte le rame procediamo per la copertura di cioccolato; spezzettiamo il cioccolato in una ciotola e facciamolo fondere 5 minuti nel microonde a 350 W facendo attenzione a non bruciarlo e mescolandolo di tanto in tanto, 


una volta sciolto il cioccolato, infilziamo da sotto le rame con una forchettina e immergiamo il dorso nel cioccolato, facciamolo scolare qualche secondo infine adagiamo le rame sulla griglia e facciamoli asciugare qualche minuto. 


Spolverizziamo sopra la granella di pistacchi 


e rimettiamo la griglia con le rame in fresco a solidificare 5 minuti usando sempre la funzione abbattimento rapido.


Disponiamo le nostre rame di Napoli in un piatto da portata e serviamoli in tavola, o se vi fà piacere regalateli saranno sicuramente graditissimi!

Eccoli nel vassoio!


L' interno!



I vini consigliati dall' enologo Calogero Statella sono:

Considerazioni:


 Un abbraccio e buon inizio settimana 
Francesco

34 commenti:

  1. Oddio Francesco sei una tentazione , sto arrivando prepara il vassoio !!
    bravissima li farò!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, ehehe una tentazione io? ma dai? anche tu sei un diavoletto tentatore ;)
      Sono felice che ti piacciono!
      Baci

      Elimina
  2. Proprio interessante questa ricetta, ma è più una frolla o un pds???
    Il mio è tutt'altro :-)
    Un bacio Franci!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danita, no no non è una frolla, diciamo che l' impasto si presenta come quello dell' interno della sacher, compatto e leggermente umido.
      Un abbraccio anche a te
      baci

      Elimina
  3. Ciao volevo sapere se la consistenza è più quasi come un biscotto?. l'impasto deve essere morbido? le vere rame di napoli devono essere più dure che morbidose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, (ma perche non vi firmate?)
      La consistenza come ho risposto a Danita è compatta e leggermente umida, credimi io sono siciliano e le ho sempre mangiate mia mamma ogni anno me le manda anche su e posso assicurarti che non sono mai state dure come un biscotto.
      Un abbraccio e buona giornata
      Francesco

      Elimina
  4. che belli questi dolcetti!!! =) saranno buonissimi e poi non li avevo mai sentiti.. mi hai fatto scoprire una cosa nuova grazie! Penso che li proverò prestissimo
    ciaoo e complimenti ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, fidati sono deliziosi! se li provi fammi sapere!
      Baci

      Elimina
  5. Sembrano molto facili da fare e poi sono ( non sembrano)di una bontà infinita.Le farò....di sicuro.
    Grazie a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariabianca, credimi sono facilissimi!
      Grazie per essere passata
      Un abbraccio
      francesco

      Elimina
  6. quanto devono essere buoni!!
    baci
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, credimi sono buonissimi!!
      Bacio

      Elimina
  7. bravo francesco...mi sa che le proverò!!!

    RispondiElimina
  8. francesco come sempre m'incanto e quando ho tempo passo da te .... perfetti ora ho visto un'altra ricetta interessate....gli ossibuchi che io adoro ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Veronica, mi fa davvero piacere leggerti! sai che la tua visita mi è sempre gradita!
      Un abbraccio
      Alla prossima
      francesco

      Elimina
  9. Ma le hai fatte e non mi hai avvisato?!?!? Adesso ne surgeli un paio e me le conservi per quando vengo la prossima volta. Mi raccomando!
    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ornella e sono già sparite!! ma credo che le rifarò!
      Baci

      Elimina
  10. Semplicemente meravigliosi mi segno la ricetta perchè voglio provarli baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Zagara, provali saranno un successo vedrai!
      Baci

      Elimina
  11. Che belli!Assomigliano molto a dei dolci tipici calabresi del periodo natalizio, le susumelle!
    Che buone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nana, non ho mai sentito parlare di quel dolce, vado alla ricerca!
      Un abbraccio

      Elimina
    2. sarebbero queste del mio conterraneo
      http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=190338

      Elimina
    3. Ciao Nanà, conosco bene le ricette di Tano, ho fatto anche i suoi amaretti calabresi! davvero eccezionali le sue ricette!!
      Un abbraccio e grazie per la segnalazione!
      Un abbraccio

      Elimina
  12. Ciao Francesco, ho aggiunto il link di questo post sotto al mio... man mano che vengono rifatti da altri blogger li aggiungo alla lista!

    P.S. Mi sembrava di averti già lasciato un messaggio di ringraziamento in questo post, ma non lo vedo... comunque l'ho fatto anche nel commento che mi hai lasciato!
    Grazie a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, avevo letto il ringraziamento nel tuo post ma qui non mi sembra di averlo letto...non c'è tra i commenti moderati, a volte succede!
      Volevo dirti che hanno fatto successo! sono stati apprezzatissimi da tutti! e io devo ringraziarti perché grazie a te ho rimangiato questi dolci che amo e che faccio fatica a trovare!!
      Grazie Grazie sei MITICA!

      Elimina
  13. Ciao Francesco, ti seguo da tanto tempo. Ti faccio i miei complimenti perchè sei bravissimo e gentilissimo. Farò subito questi biscotti, sembrano favolosi!!! *----*
    Buone Feste Rosa (dalla Puglia)
    n.b.: sono simili ai nostri "sasamelli"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, grazie per i tuoi compliementi! sono sempre graditissimi quando arrivano col cuore!
      Un abbraccio
      Francesco

      Elimina
  14. Grazie Francesco...anche io mi sono unita ai tuoi lettori....e anche le tue Rame sono bellissime!
    Saluti

    RispondiElimina
  15. Queste nel mio rapido tour della Sicilia alla scoperta delle mie origini non le ho assaggiate, ma già gli ingredienti mi dicono che dovrebbero piacermi!! Le proverò senz'altro!!
    Ciao Fra (ti chiamo come mia figlia Francesca), un abbraccio
    Resy

    RispondiElimina
  16. Francesco, le ho fatte e pubblicate nel mio blog facendo riferimento alla tua ricetta ed al tuo blog, vieni a vedere come ti sembrano!! A noi sono piaciute tantissimo!! Grazie e ciao
    http://le-tenere-dolcezze-di-resy.blogspot.it/2012/11/le-rame-di-napoli-e-i-racconti-di-mia.html

    RispondiElimina

Ciao, se sei arrivato fin qui vuol dire che il mio blog ti è piaciuto, lasciami pure un tuo pensiero, lo custodirò gelosamente nel mio angolo di paradiso...
Se Non hai un profilo e commenti come anonimo per favore firmati, sarò felice di poterti rispondere chiamandoti per nome!
Grazie
Francesco

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ti potrebbero interessare...

Il guest Book degli angeli